Che cos'è l'Afenfosmfobia in Death Stranding?

Che cos'è l'Afenfosmfobia in Death Stranding?

Death Stranding è fuori, e le persone in tutto il mondo stanno facendo del loro meglio per consegnare merci e non essere trascinate nelle profondità oscure dai BT. Il personaggio principale, Sam Porter Bridges, è un ragazzo interessante nel mondo di Death Stranding. Non solo i suoi fluidi corporei possono essere trasformati in armi, ma è anche in qualche modo sintonizzato sulla presenza di BT, e lo strano avvenimento della Rete Chiral. Inoltre, soffre di Aphphosmphobia. In questa guida, parleremo di cosa sia esattamente la difenfosfobia.

Che cos'è l'Afenfosmfobia in Death Stranding?

L'afenfosmfobia è la paura o la fobia di essere toccati. Le persone che ne soffrono trovano estremamente difficile tollerare il contatto fisico con altre persone. È una rara condizione psicologica, ritenuta derivata da differenze nella chimica del cervello, e talvolta a causa di un trauma. Questa è una condizione reale e non è stata inventata solo per il gioco.

I sintomi includono panico, palpitazioni cardiache, vertigini, dissociazione e persino attacchi di panico in piena regola. Le persone che soffrono possono anche avere ripercussioni negative sulla vita sociale e problemi di salute fisica a causa dell'incapacità di funzionare normalmente a volte.

In Death Stranding, la condizione di Sam è ben nota ed è rappresentata all'inizio del gioco dal suo rifiuto di stringere la mano alla gente. Anche quando indossa i guanti, non gli piace ancora nessun contatto con un altro essere umano. È un po 'pesante, come spesso accade con i giochi di Kojima, ma esiste una dicotomia stabilita come Sam, che soffre di Aphphosmphobia, è la persona scelta per cercare di connettere gli ex Stati Uniti.

Ciò che è interessante è che durante i momenti di separazione o l'immaginazione nella sua testa, Sam sembra essere in grado di immaginare persone toccanti. Questo è quanto ci andremo, però, per paura di spoiler.

Se ti sei chiesto se l'Afenfosmfobia è una condizione reale, la risposta è sì. Questo è qualcosa con cui un piccolo numero di persone nella popolazione deve convivere ogni giorno, e non qualcosa che è esclusivo di Sam Porter Bridges in Morte in piedi.

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *