Aegis Rim lancia un nuovo trailer

Aegis Rim lancia un nuovo trailer

Combatti per il futuro

13 Sentinels: Aegis Rim è un gioco un po 'strano. Con tredici storie intrecciate, ognuna con un protagonista diverso che vive i misteri che si svelano, il gioco combina segmenti di avventura a scorrimento laterale mentre interagisci con l'ambiente o altri personaggi e sequenze di battaglia in cui fino a sei personaggi lavorano insieme per combattere kaiju in gigante mech.

La storia è divisa tra gli anni ottanta, la seconda guerra mondiale e il futuro, mentre ciascuno dei personaggi giocabili viene coinvolto nella fantastica avventura, pilotando i propri mech per combattere contro l'invasore kaiju.

'

Il nuovo trailer è relativamente leggero sull'azione, dando una maggiore attenzione alla trama e ai segmenti dell'avventura, poiché vediamo personaggi che sperimentano strani sogni apocalittici con robot – sogni che lentamente ma inesorabilmente iniziano a invadere le loro vite da svegli. Il trailer mostra alcuni splendidi paesaggi ispirati agli anime e disegni dei personaggi mentre allude alle avventure a venire. Purtroppo il sistema di combattimento non viene mostrato, ma può essere trovato su YouTube video come questo. Sfortunatamente per chi non parla giapponese, questo è il primo video ufficiale rilasciato in inglese, quindi mentre altri video ti daranno un'idea di cosa aspettarti dal gioco, ti perderai la complessità del sistema di combattimento.

Nonostante tutto, sembra che questa sarà un'aggiunta entusiasmante alla tua raccolta di giochi e un gioco altrettanto ambizioso per cui Atlus è noto. Mentre kaiju e robot giganti sono tropi comuni nei videogiochi, è raro vedere una tale attenzione rivolta al lato umano della storia e ai segmenti dell'avventura che ti vedono lavorare per scoprire il mistero e scongiurare l'apocalisse con la tua astuzia e abilità investigative sono destinati ad essere un'interpretazione interessante del genere.

Controllerai 13 Sentinels: Aegis Rim? Faccelo sapere nei commenti o contattaci su Twitter o Facebook.

Fonte: comunicato stampa

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *