Dimmi perché riesaminare: la verità ti renderà libero

Life is Strange Studio annuncia un nuovo titolo, Tell Me Why

Dimmi perché recensione

Sono passati giorni da quando ho finito Dimmi perché, da DONTNOD, ma ci sto ancora pensando. Per rispondere alla tua prima domanda, no, non è un'altra La vita è strana gioco. Ma avrebbe potuto essere. Ha molti degli stessi aspetti: una storia a episodi basata su scelte, protagonisti di duelli, ambientazione in una piccola città, ricerca della verità. Ma in qualche modo sembra diverso, più maturo. La storia di Alyson e Tyler Ronan mentre scavano il passato per scoprire dove sono andate al diavolo le loro vite mi ha afferrato fin dall'inizio e non mi ha lasciato andare. Gli darei il massimo dei voti in ogni aspetto, tranne che per il modo deludente in cui finisce.

Tolstoj una volta scrisse che “tutte le famiglie felici sono uguali; ogni famiglia infelice è infelice a modo suo. " In Tell Me Why, i gemelli Alyson e Tyler si riuniscono dopo un lungo periodo di separazione e si imbarcano in una ricerca per apprendere il segreto dell'infelicità della loro famiglia; in particolare, vogliono sapere perché la loro madre è impazzita una notte e li ha attaccati da bambini, provocando la loro uccisione per legittima difesa. Nei loro ricordi infantili, è stato un evento insondabile e inesplicabile che ha messo in moto una spirale discendente: Tyler è stato mandato in un centro di detenzione minorile e Alyson è stata allevata da Eddy, lo sceriffo della città. Come dice il proverbio, "la verità ti renderà libero", e loro sanno che devono scavare la verità del passato per liberare se stessi e l'eredità della famiglia dai suoi legami.

Tuttavia, scoprire la verità non è una cosa facile da fare a Delos Crossing, in Alaska, dove si svolge la storia. È una rappresentazione immaginaria della "tipica cittadina americana", dove tutti conoscono tutti e le chiacchiere gioviali sulla pesca e sul tempo abbondano. È un archetipo che ormai tutti conosciamo così bene che quasi istintivamente ci aspettiamo che la superficie gentile e amichevole ceda il posto all'inevitabile ventre oscuro. Come i gemelli imparano presto, qualcosa è davvero marcio nello stato di Delos Crossing, e devono scoprire cosa.

Sotto la superficie

Ma Dimmi perché mi ha impressionato per come resiste continuamente ai cliché. Oh, non commettere errori: le acque tranquille di Delos Crossing sono profonde di segreti e storie non raccontate. Ma, come in ogni buona storia, ti sarà difficile trovare un vero cattivo qui. Invece ci sono per lo più solo esseri umani che fanno scelte ed errori e fanno il meglio che possono con la mano che sono stati affrontati. Puoi, se lo desideri, decidere che qualcuno è un cattivo e dirglielo senza mezzi termini: questa è la tua scelta come giocatore.

Tell Me Why presenta alcuni dei personaggi più sviluppati e credibili che abbia mai visto in un videogioco. Puoi davvero vedere la crescita nella narrazione di DONTNOD dall'originale Life is Strange, al suo prequel, il suo seguito e ora Tell Me Why. Mentre il primo Life is Strange ci ha dato persone affascinanti di cui preoccuparsi davvero in Max e Chloe, ha avuto i suoi famosi momenti di stereotipi e gergo adolescenziale "fantastico". Ho visto un vero passo avanti con La vita è strana 2, con Sean e Daniel Diaz ei loro amici che si sentivano più come dei veri adolescenti, anche se il messaggio di giustizia sociale a volte era un po 'serio.

Dimmi perché episodi

In Tell Me Why, ci sono i temi caratteristici socialmente consapevoli, ma sono sottilmente incorporati nella storia in un modo che sembra organico e naturale. Tyler Ronan è un uomo transgender, e questo è importante per la trama ma non centrale. Il padre adottivo di sua sorella Alyson, Eddy, è un uomo indigeno, ma l'etnia di Eddy non è la sua qualità distintiva nella storia. Tessa, una vecchia amica di Alyson e della madre di Tyler, è di origine filippina ma, ancora una volta, imparerai questo solo prestando attenzione ai riferimenti obliqui durante il gioco (come l'inclusione di "Pancit" nel menu del suo ristorante).

La diversità dei personaggi e dei riferimenti culturali in Tell Me Why mi è sembrata autentica e veramente rappresentativa della società odierna, e come attore ho sentito che è stato fatto un grande sforzo per far sentire Delos Crossing ei suoi abitanti reali. Ciò ha reso la storia molto più avvincente e le scelte che mi sono state imposte lungo la strada molto più incisive. Prendere decisioni che alterano il destino di un personaggio è molto più difficile (e più soddisfacente) quando ti senti come se fossero persone reali, e non solo "tipi".

Un grande giro che non finisce bene

Certo, ci sono dei momenti fastidiosi. Tyler in particolare a volte si è rivelato eccessivamente irriverente e le opzioni di dialogo nelle conversazioni non corrispondevano sempre a ciò che avrei scelto in una determinata situazione. A volte ero quasi imbarazzato, costretto a dire qualcosa di scortese a un altro personaggio quando non volevo davvero. E c'erano ancora alcune volte in cui le battute dei gemelli cercavano troppo di sembrare "ventenni alla moda". Ma nel complesso, Dimmi perché sembra molto più autentico dei precedenti giochi di DONTNOD.

Sì, queste sono persone reali, che hanno a che fare con alcuni dei più grandi problemi della vita: famiglia, identità personale e gli effetti del passato sul presente, solo per citarne alcuni. Dimmi perché gestisce tutti questi temi con compassione e cura, ponendo molte domande ma soprattutto lasciando a te decidere le risposte, se le vuoi. Durante il corso della storia, ti vengono presentati due diversi ricordi del passato – quello di Alyson e quello di Tyler – con il tuo ruolo che decide quale sia "vero". È una metafora appropriata per la natura personale e soggettiva della verità che Tell Me Why utilizza come un altro tema ricorrente.

Questo però ci porta alla più grande delusione del gioco. Sì, dimmi perché "ti dico perché" alla fine – più o meno. Ma come hai fatto fino ad ora, avrai un ruolo nella creazione del "perché" finale. Ti verrà presentata una scelta di finali che spiegano ciascuno cosa è successo tutti quegli anni fa, ognuno in modo diverso. Rendendo la soggettività della verità e persino il passato fondamentali per la narrazione e il gameplay, Tell Me Why si dipinge un po 'in un angolo entro la fine. L'unica volta che stavo cercando una risposta definitiva, mi è stato detto di crearla per me stesso. Inoltre non ha aiutato il fatto che nessuno dei due finali opzionali fosse così strabiliante come mi aspettavo.

Quindi, ecco perché ci sto ancora pensando anche adesso. Mi è piaciuto suonarlo a fondo, tranne che alla fine. Si potrebbe dire che Dimmi perché riguarda il viaggio e non la destinazione, e quel viaggio è davvero avvincente. Ed è complesso; con la violenza, la disfunzione e la malattia mentale in primo piano, è una storia oscura in molti modi. Ma è anche pieno di speranza: nell'amore improbabile che può unire due estranei, nel legame mentale che collega letteralmente due fratelli e nel potere liberatorio della verità. Non giocherai a Tell Me Why provando molte cose: tristezza, ottimismo, confusione, delusione. Non posso dirti quale di questi proverai quando lo suoni … ma dovresti suonarlo.

** Un codice di gioco per Xbox One è stato fornito dall'editore **

Il bene

  • Storia avvincente
  • Personaggi realistici e ben sviluppati
  • Scelte di impatto

80

Il cattivo

  • Finale debole
  • Scelte di dialogo limitate

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *