Glen Schofield del protocollo Callisto interrompe il suo ritorno all'orrore

Il protocollo Callisto mira a riportare l'orrore nel Survival Horror

L'horror di fantascienza può essere straordinariamente inquietante

Basta guardare Event Horizon, Alien Isolation, Signs o qualsiasi altro esempio. Dead Space – la serie futuristica di fantascienza che vede una religione adorare creature create dagli arti / cadaveri delle sue vittime controllati dai parassiti – è solo uno dei tanti, ma la sensazione unica e il livello di sangue della serie sono sufficienti per far arrampicare le persone per un sequel dalla fine della serie, soprattutto visto il finale scioccante del DLC del gioco finale che ha visto la Terra attaccata dalla luna dei fratelli.

Il protocollo Callisto non è quel follow-up, ma certamente lo sembra. Diretto dal produttore esecutivo di Dead Space, Glen Schofield – nel suo primo gioco horror dall'originale Dead Space (A parte un ringraziamento speciale nel suo sequel di sparatutto su rotaie Dead Space: Extraction) il gioco è ambientato in una prigione sulla luna di Giove Callisto, nel nel mezzo di un'invasione aliena. A parte questo, le informazioni sono limitate, anche se, stranamente, sappiamo che il gioco è ambientato nell'universo di PUBG.

"Stiamo aiutando PUBG Corp in questo momento come un team di scrittori, lavorando alla tradizione per PUBG e il suo universo", ha spiegato Schofield a Gamesradar. “Hanno una sequenza temporale e ora ci adattiamo a quella sequenza temporale. Non sarà molto profondo, ma ci saranno poche connessioni qua e là. Probabilmente di tanto in tanto ci faremo riferimento l'un l'altro … Avrà più senso una volta che il gioco uscirà! "

È probabile che questo fosse un requisito per l'accordo editoriale firmato con PUBG Corp, ma Schofield ha dichiarato che gli è stata data "carta bianca" per raccontare la sua storia. Forse PUBG Corp ha visto una lacuna nel mercato per un franchise horror incentrato sulla fantascienza e ha pensato di poterla colmare? Chissà. Dopotutto, ci sono un sacco di strane connessioni là fuori (basta guardare i Sei Gradi di St. Elsewhere. Se il canone Disney può esistere nella stessa università dei libri di Stephen King, qualcosa del genere sono piccole patate.

Il trailer potrebbe non averci fornito nulla sulla storia, ma Schofield sa chiaramente le sue cose. Dead Space è spesso considerato uno dei giochi più spaventosi di tutti i tempi e il team di Striking Distance mira a far sì che il protocollo Callisto sia all'altezza della sua eredità.

"Lo ammetto, è una sfida, ma è sempre stata una sfida, giusto? In Dead Space è stata una sfida. E quindi penso che possiamo ancora spaventare le persone, questo è certo. Lo sappiamo già perché abbiamo persone che lo testano, lo suonano e dicono, 'Amico, mi hai preso. Mi hai preso su quello! '"

Schofield è anche entrato in alcuni dettagli sul motivo per cui Callisto è stato scelto: "È coperto di ghiaccio, ma ha quello che credono sia un oceano sotto quel ghiaccio", mi dice, "quindi ovviamente c'è acqua lì. Credono che un giorno l'uomo potrebbe colonizzarlo, ma l'atmosfera è di 200 gradi sotto zero in Fahrenheit, quindi fa davvero freddo! "

Un pianeta ghiacciato non è una novità – dopotutto, una era l'ambientazione principale di Dead Space 3 – e ci sono sicuramente alcune paure interessanti da avere con il concetto. Forse vedremo parte della flora e della fauna locali di Callisto? Chi può dirlo, ma come fan dell'horror, non vedo l'ora di esplorare Callisto da solo.

Fateci sapere cosa ne pensate del Protocollo Callisto nei commenti, su Twittero su Facebook.

FONTE

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *