I prezzi dell'oro di Xbox Live NON aumenteranno, non è richiesto oro per F2P

Xbox Series S non supporta i miglioramenti di Xbox One X.

Obiettivo sbloccato: feedback ascoltato

Ieri Microsoft ha annunciato un sostanziale aumento del prezzo per Abbonamento Xbox Live Gold. L'aumento avrebbe visto aumentare l'opzione di un mese di $ 1 USD, l'opzione di 3 mesi aumentare di $ 5 e l'opzione di 6 mesi aumentare di $ 20. L'aumento del prezzo ha fatto sì che l'abbonamento di un anno sarebbe costato il doppio di quello che costava. L'annuncio è stato sorprendentemente accolto con un'ondata di feedback negativo e Microsoft ha ascoltato.

La scorsa notte Microsoft ha annunciato di riconoscere il proprio errore e che non aumenterà il costo di Xbox Live Gold a nessun prezzo, lasciando il servizio con le vecchie opzioni di prezzo di $ 9,99 per 1 mese, $ 24,99 per 3 mesi, $ 39,99 per 6 mesi e $ 59,99 per 12 mesi al dettaglio.

Hanno annunciato che torneranno ai loro piani originali, in un post sul blog aggiornato.

“Oggi abbiamo fatto un pasticcio e hai fatto bene a farcelo sapere. Connettersi e giocare con gli amici è una parte vitale del gioco e non siamo riusciti a soddisfare le aspettative dei giocatori che ci contano ogni giorno. Di conseguenza, abbiamo deciso di non modificare il prezzo di Xbox Live Gold ".

Oltre a rifiutare la decisione di aumentare i prezzi di Xbox Live Gold, hanno anche annunciato che Xbox Live Gold non sarà più necessario per giocare a giochi free-to-play, come Fortnite, una funzionalità molto richiesta.

"Stiamo trasformando questo momento in un'opportunità per portare Xbox Live più in linea con il modo in cui vediamo il giocatore al centro della sua esperienza. Per i giochi free-to-play, non avrai più bisogno di un abbonamento Xbox Live Gold per giocare a quei giochi su Xbox. Stiamo lavorando duramente per realizzare questo cambiamento il prima possibile nei prossimi mesi ".

Cosa ne pensi di questa situazione? Xbox ha preso la decisione giusta per tornare al loro annuncio originale? Faccelo sapere nei commenti o contattaci Twitter o Facebook.

FONTE