I professionisti di Trans Games pesano su Dimmi perché

Life is Strange Studio annuncia un nuovo titolo, Tell Me Why

La comunità LGBT + ha fatto molta strada nei videogiochi

Fino a una persona su dieci fa parte della comunità LGBT +, ma la rappresentanza nei media nel suo complesso è ben al di sotto di tale soglia. I giochi tradizionali raramente presentano personaggi LGBT + e quando lo fanno tendono ad essere giochi in cui il giocatore può decidere sulla sessualità dei personaggi.

Dontnod è storicamente in prima linea nella rappresentanza LGBT +. A parte Le avventure di Captain Spirit, tutti i giochi in La vita è strana la serie presenta personaggi ed eroi LGBT +, con Chloe che canonicamente ha interessi amorosi femminili e sia Max che Sean hanno la possibilità di avere personaggi romantici di entrambi i sessi.

Tell Me Why ha fatto un altro grande passo con l'inclusione di un lead trans, rendendolo il primo gioco di un importante editore a presentare un lead transgender, e il gioco ha ottenuto recensioni entusiastiche per la rappresentazione. Ora, alcune delle principali voci trans del settore sono intervenute per lodare il gioco.

'

"Non mentirò, mi sono addentrato in questo aspetto aspettandomi di alzare gli occhi al cielo per le pesanti lezioni morali e le imbarazzanti semplificazioni", ha dichiarato l'ex giornalista di giochi Io Brindle.

"(Invece) ho apprezzato, in particolare, come gli elementi trans della storia, e della vita e della storia di Tyler, siano stati intrecciati insieme a molti altri fili in un tessuto né dominato da elementi trans né sbiancato di essi."

I sentimenti di Brindle saranno familiari a qualsiasi persona LGBT + che abbia visto la sessualità o l'identità di genere di un personaggio usata come espediente della trama o come vestizione del set, invece di essere solo un aspetto di chi è il personaggio.

Alcune voci trans, tuttavia, come la fondatrice di Glass Bottom Games Megan Fox (Nessuna relazione) hanno fatto eco a un problema molto reale che è apparso anche in The Last of Us: Part 2, che è stato notoriamente bombardato da persone arrabbiate con l'obiettivo di LGBT + personaggi, ma ha anche affrontato le critiche di giocatori più liberali per la transfobia affrontata dal personaggio Lev.

"È accurato", dice Fox. "Troppo preciso per me per giocare."

Chiarisce che il problema è che "Come molte rappresentazioni, presenta i nostri momenti peggiori come una sorta di strano gioco morale", che è certamente una valutazione corretta. I videogiochi possono essere evasivi, ma per molti giocatori il trauma affrontato da Tyler a causa della sua identità di genere è troppo vicino alla realtà.

In definitiva, ognuno ha la propria opinione. Nonostante le recensioni entusiastiche del gioco, ci saranno comunque persone che, per un motivo o per l'altro, non sono contente dell'inclusione o della trama. I videogiochi hanno ancora molta strada da fare in termini di rappresentanza LGBT + ma, almeno, le cose vanno meglio di prima.

Cosa ne pensi di Tell Me Why? Faccelo sapere nei commenti o contattaci su Twitter o Facebook.

FONTE

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *