Il passato del designer di Hogwarts Legacy sta tornando a perseguitarlo

L'eredità di Hogwarts in arrivo sulle console di nuova generazione

La giustizia sociale ha fatto molta strada negli ultimi pochi anni

In tutto il mondo, le persone si stanno rendendo conto che viviamo in una società ineguale che asseconda in modo schiacciante i privilegiati. Il rilascio di Hogwarts Legacy sarebbe sempre stato controverso, data l'instancabile crociata di JK Rowling contro i diritti dei trans, e quando si tiene conto del licenziamento di Johnny Depp dal ruolo di Grindelwald a seguito delle accuse di abusi domestici presentate da Amber Heard, è solo peggiorato. Sebbene il team stia presumibilmente lavorando con GLAAD sul nuovo gioco e il caso di Depp sia diventato più oscuro, gli sviluppatori del gioco speravano senza dubbio che la controversia si attenuasse. Sfortunatamente, è solo peggiorato grazie alla scoperta del passato di Troy Leavitt su YouTube.

Leavitt, il lead designer del gioco, una volta ha gestito un canale YouTube che pubblica video contro la giustizia sociale con titoli come "The Injustice of Social Justice", "Are Thoughtcrimes Becoming Real" e "In Praise Of Cultural Appropriation".

Nel roster ci sono anche diversi video che difendono diverse figure, come il co-fondatore della Pixar John Lasseter, che è stato accusato di cattiva condotta sessuale o di promuovere ambienti tossici per le donne. In un esempio legato specificamente all'industria del gioco, si scopre che Leavitt è anche un sostenitore di Gamergate, un movimento reazionario che ha visto le donne e altre figure di minoranza nell'industria del gioco molestate, vittime di bullismo e persino ricevere minacce di morte. "Gamergate, anche se a volte doloroso, nel complesso si è rivelato una buona cosa", ha detto Leavitt in un'intervista del 2017.

Kotaku ha contattato per un commento, ma non ha ancora ricevuto una risposta.

In modo inquietante, non sembra che questa sia stata una decisione non informata da parte di WB Games, poiché presumibilmente sono a conoscenza del passato di Leavitt. "Sono felice di poter dire che, anche se ho divulgato il mio canale YouTube a WB Games, non sembrava essere un problema per loro. Non che approvino nulla di ciò che ho detto, ovviamente, ma almeno sembrano più interessati a fare buoni giochi che a promuovere una sorta di programma di giustizia sociale, quindi c'è speranza ".

Se questo può far vacillare la speranza di inclusività LGBT – compresi i personaggi trans – nel gioco, vale la pena notare che il ruolo del Lead Designer dipende tutto dal gameplay e dalla grafica, e non ha voce in capitolo su come si sviluppa la storia. Forse potremmo vedere una partita più inclusiva, ma sembra che andrà a finire nonostante i desideri di almeno un membro della squadra.

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *