Kingdoms of Amalur: Re-Reckoning Review

Kingdoms of Amalur: Re-Reckoning Review

Kingdoms of Amalur: Re-Reckoning Review

Ancora una volta l'eroe predestinato deve risorgere, spada in mano e un'incredibile forza di cuore. Le terre hanno bisogno di un salvatore e tu sei quello che può portare il mondo alla pace contro il male crescente. Certo, sembra un po 'esagerato – il genere di cose che abbiamo visto prima – e non sbaglieresti in questo caso; Kingdoms of Amalur: Re-Reckoning è un remaster del classico cult dei giochi di ruolo con probabilmente una delle storie di sviluppo più famose del settore. Sono passati otto anni da quando Kingdoms of Amalur è stato lanciato per la prima volta, ma quanto resiste oggi?

Offrendo una delle introduzioni più uniche a un gioco, Kingdoms of Amalur inizia con la tua morte (e la successiva mistica resurrezione) portata via come un cadavere e lasciata cadere in un mucchio di morti, risvegliandoti in una massa di carne in decomposizione per combattere la tua via d'uscita . La fase di apertura è un meraviglioso tutorial per introdurre i meccanismi del gioco e da lì migliora solo. Nonostante la sua età, il gameplay di Kingdoms of Amalur regge molto bene. Gli attacchi in mischia sono rapidi e facili da combinare, scambiare le tue due armi preferite è fluido e avere un pulsante scudo dedicato invece di perdere una "mano" per trasportarlo è fantastico. Anche gli incantesimi che sblocchi sono intuitivi e facili da usare. Sebbene il gioco sia privo di funzioni di blocco in combattimento, è facile ed emozionante navigare sul campo, cronometrare perfettamente una parata e colpire un avversario distante con un fulmine. Questo gioco ti fa sentire potente e fa un ottimo lavoro. Non dimentichiamo anche la modalità Reckoning. Dopo aver caricato il misuratore del giudizio, i giocatori possono far entrare il gioco in modalità rallentatore mentre decimi i tuoi avversari. L'attivazione di uno speciale comando di uccisione su un bersaglio aumenterà il moltiplicatore di XP per il combattimento e ucciderà istantaneamente tutti quelli che hai abbattuto mentre sei in modalità Reckoning. Sembra incredibile e si sente fantastico quando vieni invaso dai nemici.

Regni di Amalur

Una volta che entri nel mondo e apri la tua mappa per la prima volta, vedi quanto è veramente vasto il gioco, anche se dati i vincoli dei giochi otto anni fa, troverai aree che sono un po 'più aride di quanto potresti essere abituato a. La grafica aggiornata e il nuovo lavoro di verniciatura di Kingdoms of Amalur sono belli, ma i giocatori dovrebbero ricordare che questo è un remaster, non un remake. I colori, l'illuminazione e le animazioni sono stati leggermente ritoccati e il gioco è stato riorganizzato per funzionare meglio sulla generazione attuale, ma continuerà a funzionare e assomiglia a un gioco di otto anni. Le animazioni vocali non si allineeranno con il dialogo (non importa quanto bene sia recitato il lavoro vocale) e alcune delle animazioni che vedrai per innumerevoli ore, come la corsa, sembrano ancora piuttosto rigide. Questi non sono in alcun modo rivoluzionari e in effetti si prestano al fascino dei giochi come un classico di culto; è un promemoria di ciò che erano i giochi di ruolo e che possono ancora resistere anche oggi. L'unico aspetto negativo che ho riscontrato sono stati i controlli della fotocamera piuttosto scadenti durante l'esecuzione.

Una seconda possibilità per questo famigerato cult classico

Tenere premuto il pulsante X ti invierà a scattare – con resistenza illimitata – nella direzione che preferisci, tuttavia questo ti impedisce di regolare la visuale con la levetta destra allo stesso tempo. Ruotare il personaggio con la levetta sinistra funzionerà, tuttavia la telecamera salta di 30 gradi piuttosto stridenti in quella direzione piuttosto che consentire una transizione fluida e controllata. Ancora una volta, questo non è un gioco da ragazzi, ma mi sono trovato più disposto a camminare e controllare la telecamera piuttosto che correre alla cieca in avanti. Essendo un gioco di ruolo, scoprirai anche che presto ci saranno più missioni di quante tu sappia con cosa fare. Nonostante il loro aspetto costante appaia sulla mappa, queste missioni sono ben scritte e sembrano eventi reali e coinvolgenti che un eroe fantasy incontrerebbe. Non fa male che sono stati scritti dall'autore di Forgotten Realms R.A. Salvatore e la leggenda dei fumetti Todd McFarlane. Le missioni possono essere un po 'eccessive a volte, ma la scrittura combinata con la recitazione genuina rende comunque ogni volta un'esperienza divertente.

Regni di Amalur

Come un gioco di ruolo, Kingdoms of Amalur prende in prestito alcune delle migliori convenzioni di gioco pur presentandolo a un ritmo accessibile, rendendo l'esperienza molto piacevole. Dal doverti preoccupare della gestione dell'inventario (per fortuna non del peso), riparare la tua attrezzatura dall'usura e avere uno dei sistemi di abilità più interessanti della memoria recente, questo gioco si distingue davvero per le migliori ragioni. Non solo sbloccare abilità epiche e attacchi attraverso le tre scuole di combattimento (Might, Finesse, Magic) ma avere classi combo equipaggiabili basate sulle tue statistiche e sbloccare nuovi vantaggi del destino in base alle tue azioni? Kingdoms of Amalur: Re-Reckoning è il sogno di tutti gli amanti dei giochi di ruolo e se non ti dispiace il suo aspetto un po 'datato, questo classico merita assolutamente la tua totale attenzione. Mi sono divertito tantissimo a salvare la gente di Amalur e non vedo l'ora di vedere cosa porterà il nuovo contenuto DLC sul tavolo.

** Codice PS4 fornito dall'editore **

Il bene

  • Combattimento fluido e intuitivo
  • Narrativa classica di alta fantasia
  • Perk fenomenale / personalizzazione delle abilità
  • Grande recitazione vocale

79

Il cattivo

  • Grafica datata
  • Fotocamera imbarazzante occasionale

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *