La polemica di Blitzchung è stata "un incubo" per Blizzard

La polemica di Blitzchung è stata "un incubo" per Blizzard

J. Allen Brack, presidente di Blizzard, ha offerto una nuova dichiarazione sulla controversia di Blitzchung che ha visto il "protagonista" dell'azienda nelle ultime settimane. Potresti ricordare che Blitzchung è il giocatore di Hearthstone che è stato bandito per sostenere la lotta di Hong Kong per l'indipendenza. Era così grande che persino i politici statunitensi hanno indirizzato il caso con una lettera aperta allo sviluppatore e all'editore.

Parlando con IGN, Brack ha affermato di essere un sostenitore della libera espressione e che i manifestanti fanno parte di quella cultura. Detto questo, e con quei valori a cuore, è stato "un incubo" essere coinvolto in questo caso per tutti quelli di Blizzard.

"Siamo grandi credenti nella libera espressione. Personalmente sono un grande sostenitore della libera espressione. Quindi, è un po 'interessante per me personalmente essere una persona che è coinvolta nel non essere un sostenitore. I sostenitori sono i benvenuti. La protesta è parte di ciò che deve essere nella nostra cultura ", ha detto.

"Penso che questo sia stato un incidente umiliante per Blizzard, davvero su tutta la linea, se pensi a come questo ha davvero, in qualche modo, preso il sopravvento e un po 'preso una vita a sé stante. Penso che ci sia molto lavoro che vogliamo continuare a fare, pensare a come impedire che qualcosa del genere si ripeta. È stato un – penso – un incubo per tutti i soggetti coinvolti. "

Voleva anche precisare cosa stava succedendo con Blizzard e la Cina. Brack ha giustamente affermato che la società non è autorizzata a pubblicare giochi laggiù, come qualsiasi altra società di videogiochi occidentale, quindi deve avere un partner locale, "in questo caso, Netease". Ad esempio, Nintendo sta lavorando con Tencent, invece.

"Penso che ci sia molta confusione su come funzionano i giochi editoriali in Cina. Non siamo legalmente autorizzati a pubblicare i nostri giochi in Cina. Dobbiamo avere un partner … in questo caso, Netease", ha aggiunto. "È la loro citazione. Sono i loro dipendenti che hanno fatto quella citazione. Non è qualcosa che abbiamo approvato. Non è qualcosa che avremmo approvato."

Caso chiuso?

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *