Microsoft non ha finito di acquisire nuovi studi, afferma il CEO Satya Nadella

Xbox Game Studios

In un'intervista con CNET, Il CEO Satya Nadella ha condiviso che Microsoft non ha finito di acquisire nuovi studi e che la società continuerà a esaminare altre occasioni dopo aver concluso l'accordo a sorpresa tra ZeniMax Media e Bethesda.

Secondo Nadella, tuttavia, il processo di acquisizione dovrà avvenire con team ed etichette che condividono le stesse visioni di Microsoft in futuro.

"Cercheremo sempre luoghi in cui ci sia quella comunanza di intenti, missione e cultura", ha detto Nadella.

"Cercheremo sempre di crescere in modo inorganico dove ha senso", ha aggiunto, senza rivelare ulteriori indizi su quali operazioni i fan possono aspettarsi che avvengano presto.

Microsoft e Bethesda hanno lavorato insieme sin dai primi giorni di Xbox, portando al primo rilascio su console di The Elder Scrolls con Morrowind nel 2003 e un'esclusiva a tempo su Oblivision per Xbox 360.

Per quanto riguarda l'acquisizione di nuovi sviluppatori, Nadella è stata chiara sul fatto che "non puoi svegliarti un giorno e dire, 'Fammi costruire uno studio di gioco'", ed è per questo che la società cerca sempre di far partecipare altri dall'esterno.

Non è un caso che, in questo processo di crescita, Xbox Game Studios abbia fondato finora solo uno studio, The Initiative di Santa Monica.

Xbox Game Studios ha ora raggiunto un'incredibile organizzazione creativa di 23 elementi, a cui si uniscono Arkane Studios (Dishonored), id Software (DOOM), Machine Games (Wolfenstein) e Bethesda Game Studios (The Elder Scrolls), tra gli altri.

Altre acquisizioni nel recente passato hanno portato Microsoft a portare negli studi con cui ha lavorato su Xbox One, come Playground Games di Forza Horizon e Undead Labs di State of Decay, e altri come Ninja Theory di Hellblade e Double Fine Productions di Tim Schafer.

Bethesda è ora riunita con i maestri di giochi di ruolo Obsidian Entertainment e inXile Entertainment, poiché molti veterani dei tre studi lavoravano insieme ai tempi di Interplay.

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *