Nuketown sta arrivando in Call of Duty: Black Ops Cold War

Nuketown sta arrivando in Call of Duty: Black Ops Cold War

La mappa preferita dai fan uscirà tra pochi giorni

Il rilascio di Call of Duty: Black Ops Cold War segna la quinta voce in Operazioni nere serie. Se segui la serie sin dal rilascio originale di Call of Duty Black Ops nel 2010, probabilmente conoscerai bene l'iconica mappa di Nuketown. Potresti riconoscerlo dal primo gioco, Operazioni nere… e il secondo gioco, Black Ops II… Così come Black Ops III, e Black Ops 4. Ok, quindi Nuketown è un po 'un punto fermo nel Operazioni nere quindi era solo questione di tempo prima che la Guerra Fredda ottenesse la sua versione della mappa.

Call of Duty Black Ops Guerra Fredda

Mentre la premessa generale e il layout rimangono per lo più gli stessi da iterazione a iterazione, ogni gioco aggiunge una nuova estetica quando si rifa la mappa classica. Ora i fan hanno Nuketown '84 con cui aspettarsi Call of Duty: Black Ops Cold War.

Mentre il Nuketown originale aveva un'estetica subariana più pittoresca, Nuketown '84 è una scena un po 'più ruvida. La mappa si è evoluta con ogni nuovo gioco con Black Ops IINuketown è una copia fedele dell'originale. Black Ops IIINuk3town è una versione molto più futuristica della mappa, essendo stata ridisegnata per adattarsi alle nuove opzioni estetiche e di movimento del gioco. Black Ops 4 copre la mappa in una bella coltre di neve, perfetta per uccidere i tuoi amici. Infine, la visione della mappa della Guerra Fredda ti pone in un clima desertico, dandoti la sensazione più vicina a una zona di guerra tradizionale fuori dal gruppo.

Nuketown ’84 è pronto a farcela Guerra fredda debutto il 24 novembre. I giocatori che possiedono già il gioco, o lo acquistano prima del 4 dicembre, riceveranno la nuova mappa gratuitamente. Chiunque ritiri il gioco dopo dovrà pagare per il DLC. Sto pensando di riprendere Guerra fredda? Bene, ora è il momento. Se hai ancora bisogno di un po 'di ispirazione, dai un'occhiata al nostro recensione del gioco qui.

Comunicato stampa della fonte

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *