Recensione di Ary e il segreto delle stagioni

Ary and the Secret of Seasons è una magia indie piacevole

Recensione di Ary e il segreto delle stagioni

Ary e il segreto delle stagioni è la storia di una giovane ragazza ribelle che prende il destino del mondo nelle sue mani quando il male colpisce. Figlia di un guardiano responsabile della sicurezza e dello status quo della regione invernale di Valdi, Aryelle deve sfruttare i poteri magici delle stagioni e usarli per salvare il mondo dal pericolo. È un'avventura indie allegra, perfetta per i bambini e innegabilmente piena di fascino, ma sfortunatamente sembra incompleta e grezza in modi che logorano questo fascino fin troppo velocemente.

È la stagione

Ary e il segreto delle stagioni inizia nella città di montagna invernale di Yule, dove Ary vive con la sua famiglia. Devastato dalla recente scomparsa di suo fratello, il padre in lutto non può completare i suoi doveri di guardiano: uno dei quattro protettori stagionali che mantengono ciascuno le proprie regioni di Valdi. Quando una forza oscura si diffonde in Valdi e sconvolge le stagioni, Ary prende il posto di suo padre come Guardiano dell'Inverno per cercare di trovare suo fratello e salvare il mondo dalla distruzione.

La stessa Ary è amichevole e innocente, con una volontà instancabile di fare la cosa giusta e una disposizione a non accettare mai un "no" come risposta. Le sue battute infantili non perdono mai il loro ottimismo, anche quando affrontano la battaglia o il tradimento. L'innocenza di Ary si riflette nel tono generale del gioco, con doppiatori scadenti e personaggi sciocchi che riempiono le cutscene e musica stravagante cullata in sottofondo.

Sotto la sua superficie, alcune trame in Ary sono in realtà piuttosto scuri. La famiglia reale rapisce segretamente i bambini e li costringe a lavorare nelle miniere, dove le loro grida possono essere ascoltate echeggiare attraverso le pareti della caverna. Il Golem estivo, un personaggio significativo che sembra essere una balena di pietra, si crogiola in un'esistenza solitaria sul fondo di una fossa, ricordando malinconicamente i richiami lontani di un branco che da allora si è dimenticato di lui. Il gioco dipinge su questi temi tristi con un allegro strato di ottimismo, che fa tutto parte dell'esperienza di benessere. Tutto è leggero e felice, anche quando non lo è.

Durante il gioco, Ary ottiene i cristalli di ogni Guardiano, garantendole il potere di controllare le diverse stagioni. Usando i cristalli, può lanciare sfere che racchiudono piccole regioni di fronte a lei e cambiare il suo ambiente per rivelare segreti e manipolare enigmi. A seconda del puzzle, queste stagioni possono svolgere molte funzioni diverse. Ad esempio, la sfera invernale può essere utilizzata per rivelare piattaforme di ghiaccio che possono essere utilizzate per saltare in luoghi difficili da raggiungere, mentre la sfera autunnale può creare pozze d'acqua in ampie distese che Ary può attraversare a nuoto. In alcuni templi, la sfera primaverile può creare sacche d'aria sott'acqua che consentono ad Ary di camminare e funzionare normalmente quando nuotare non è l'ideale. In altre zone, la sfera primaverile può rivelare rampicanti rampicanti o anche aggiungere pozze d'acqua. La varietà di applicazioni per ciascuna delle diverse stagioni è impressionante per la loro creatività, e sono davvero una rotazione unica sui puzzle di attraversamento in stile Zelda.

Oltre a modificare l'ambiente, le sfere possono anche influenzare diversi nemici che Ary incontra. Alcuni nemici possono essere congelati e trasformati in blocchi di ghiaccio con la sfera invernale, quindi possono essere spinti e usati come piattaforme. Altri avranno scudi che possono essere fusi con la sfera estiva, rendendoli vulnerabili. Più avanti nel gioco, Ary acquisirà anche una fionda che può utilizzare diverse stagioni per colpire oggetti come interruttori e pannelli. Sebbene la maggior parte del gioco sia semplice e diretta, i templi e gli enigmi sono in realtà piuttosto impegnativi a volte, e c'è un'arte precisa per capire quali stagioni applicare e come influenzeranno i diversi oggetti o climi nel mondo. È una vera gioia scoprire diversi segreti sia sulla mappa che nei templi, dall'eliminazione di passaggi ostruttivi per rivelare forzieri nascosti o creare piattaforme su cui arrampicarsi.

Manca il segno

AryLa premessa del gameplay è innegabilmente interessante, ma una gran parte della sua esecuzione è nella migliore delle ipotesi mediocre. Un problema evidente è la performance ingiustificatamente terribile che appare fin dal filmato di apertura. Enormi lacrime sullo schermo graffiano il display ad ogni filmato o rotazione della telecamera nel gioco e si sollevano ogni volta che Ary salta o corre su per le scale. Quando io ha giocato la demo all'inizio di questo mese, Ho pensato che il terribile strappo dello schermo fosse una circostanza non intenzionale della build pre-rilascio del gioco che sarebbe stata corretta prima del lancio ufficiale, e quindi ho omesso questa critica dalla mia anteprima pubblicata. Ho riprodotto la demo su un PC con Windows 10 con estensione GeForce GTX 1660 Ti scheda grafica e un monitor G-sync, e ora ho giocato al gioco completo su due TV separate su una PS4 che ha recentemente eseguito giochi come Fantasma di Tsushima e The Last of Us Parte II quasi alla perfezione – e ancora, le ripugnanti lacrime dello schermo persistono. O Ary è graficamente difettoso, o le mie piattaforme di gioco non sono in grado di gestire un gioco così complicato come questo. Sono fortemente propenso a propendere per il primo.

Lo screen tearing non è l'unico problema grafico con Ary. Ogni volta che completi una missione, c'è un'animazione che presenta un primo piano di Ary e uno striscione in basso che dice "Missione completata". 10 volte su 10, questa animazione sarà discontinua e si interromperà alla fine, ed è lungi dall'essere l'unico esempio. Molte delle animazioni e dei filmati sono discontinui, e ci sono un sacco di discrepanze sulla mappa e nel mondo in cui i personaggi mostreranno istruzioni vocali ma non avranno effettivamente alcun dialogo o interazione disponibile. Se questo gioco avesse ricevuto più attenzione durante i test, avrebbe potuto essere molto più coinvolgente e avvincente di quanto non sia.

Alcune scelte di design in Ary lavora anche per offuscare l'esperienza. Gli angoli della telecamera sono spesso problematici, con il combattimento a volte che spinge la telecamera a ridurre lo zoom così lontano da rendere quasi impossibile la visualizzazione dell'azione. Di tanto in tanto, accade l'esatto opposto, facendo sì che la telecamera si ingrandisca così da vicino durante una battaglia con un boss che la barra della salute sopra la testa del nemico non si vede, un ostacolo quando non sei sicuro di utilizzare efficacemente la giusta strategia infliggere danni.

La mappa è anche molto frustrante da navigare: le icone rimangono completamente inspiegabili nel menu della mappa e la minimappa è disseminata di indicatori che non fanno differenza tra le missioni secondarie su cui stai attualmente lavorando, i PCN con cui hai già parlato o con cui puoi interagire o missioni che hai già raccolto. A volte può essere esasperante tornare da un donatore di missioni se non ricordi esattamente come tornare sui tuoi passi e, a tua volta, finirai per rivisitare ripetutamente ogni punto interrogativo sulla mappa finché non trovi il personaggio giusto.

Stranamente incompleto

Il combattimento è uno dei punti deboli più evidenti del gioco, con nient'altro che un attacco rapido di base e una mossa di parata con cui operare. Trascorrerai molto tempo a schivare i rotoli, poiché il combattimento può essere difficile da vedere e i nemici possono ridurre la salute di Ary in modo ingannevolmente veloce. A meno che non ci sia una cassa o una leva nelle vicinanze, non è quasi mai necessario combattere ed è abbastanza facile superare i nemici. Non ci sono guadagni di XP o premi da raccogliere dai nemici caduti e gli unici aggiornamenti che puoi sbloccare per il combattimento possono essere acquistati dai mercanti di tutto il mondo. Questi potenziamenti possono essere applicati solo per aumentare le statistiche come l'agilità di combattimento e il danno piuttosto che fornire nuove abilità o attacchi, rendendoli abbastanza poco entusiasmanti e discutibili nella loro necessità considerando quanto siano facili i nemici da sconfiggere o ignorare del tutto.

Il mondo di Valdi è affascinante in teoria, ma mal progettato e privo di spirito in pratica. Ognuna delle regioni che visiti è molto diversa l'una dall'altra per cultura, ma tutte presentano mappe troppo grandi e vuote per sentirsi giustificate. Trascorrerai troppo tempo correndo su vaste distese di terra che sembrano allungate solo per aggiungere tempo al gioco. Ci sono anche un sacco di facciate inutili che cercano di aggiungere complessità alla mappa senza farlo effettivamente. Lammastide, la regione estiva del gioco, è piena zeppa di archi che conducono a stanze vuote, passaggi verso il nulla e vicoli ciechi che fanno sembrare la città come se avesse più vicoli ed edifici di quanti ne abbia in realtà. La città sembra stranamente incompleta, ed è una scelta strana – e quasi arcaica – quella di avere porte decorate ovunque che portano semplicemente a conchiglie vuote.

Il fatto che ci siano così tante stanze incomplete e vicoli ciechi ovunque non è una perdita enorme, tuttavia, considerando che l'esplorazione è abbastanza infruttuosa da meritare di soffiare completamente. Le missioni secondarie raramente valgono il tuo tempo e consistono solo nel prendere ninnoli per piccole ricompense, se dovessi riceverne uno. L'unica esplorazione utile avviene nei templi, dove la ricerca di forzieri può ricompensarti con attrezzi speciali essenziali per progredire attraverso i puzzle.

L'avventura dei bambini perfetti

Ary e il segreto delle stagioni mi ricorda molto un film d'animazione per bambini. Mi ricorda anche un gioco per computer online dei primi anni 2000 per bambini, completo di cutscene instabili e prestazioni grafiche terribili. C'è un sacco di fascino da trovare nell'animazione morbida e nei personaggi sciocchi, ma c'è anche un livello di dettaglio deludente che manca in questa avventura grezza. Brilla nel suo gameplay centrale, dove i puzzle sono stimolanti e freschi e l'uso della magia stagionale è davvero unico e degno di lode. La colonna sonora è adorabile e il completamento dei templi del gioco è sicuramente abbastanza divertente da farti tornare per saperne di più. È un gioco assolutamente eccellente per i bambini che diventerà senza dubbio la loro nuova avventura preferita, ma sarà difficile per gli adulti trascurare le prestazioni orribili e c'è una sfortunata mancanza di profondità nei contenuti secondari del gioco. In definitiva, questo gioco avrebbe beneficiato di più tempo sia nei test che nel tavolo da disegno. Un sistema di combattimento più sofisticato, una narrazione meno scadente, più abbellimenti sull'esplorazione e animazioni molto meno glitch avrebbero funzionato Ary e il segreto delle stagioni la giustizia che merita sinceramente.

*** Codice di revisione PS4 fornito dall'editore. ***

Il bene

  • Meraviglioso per i bambini
  • Eccellente design del puzzle
  • Unico e lodevole uso delle stagioni
  • Bella musica

65

Il cattivo

  • Prestazioni grafiche orrende
  • Combattimento piatto
  • Le missioni secondarie sono uno scherzo
  • Formaggio e giovanile per adulti

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *