Seinfeld sta ottenendo un restyling horror con Sinfeld: Remastered

Seinfeld sta ottenendo un restyling horror con Sinfeld: Remastered

Una delle commedie più cupe degli anni Novanta è diventata più oscura

Ricordiamo tutti Sogni, il gioco che aveva l'idea centrale di consentire ai giocatori di progettare i livelli e, a differenza di LittleBigPlanet, senza i vincoli di creare un platform. I sogni lasciano che i giocatori si scatenino e, come spesso accade quando dai ai giocatori gli strumenti per creare le proprie cose, traggono ispirazione da altre fonti.

Entra in Sinfeld, una versione horror dell'amata commedia degli anni Novanta Seinfeld, che segue le disavventure di un gruppo di amici tra cui Jerry Seinfeld, interpretando una versione romanzata di se stesso. Anche se una commedia non è necessariamente la migliore fonte per un gioco horror, vale la pena notare che Seinfeld aveva la reputazione di essere oscuro – certo, forse non è allo stesso livello di The League of Gentlemen ma hey, non tutti gli spettacoli possono includere personaggi come un rapitore ossessionato dai rospi o un negoziante che uccide i visitatori.

Il gioco è nato come un livello in Dreams, e ha rapidamente attirato l'attenzione sia per il suo concetto bizzarro che per l'esecuzione da incubo: pensa PT con i pellicani parlanti. Ora, gli sviluppatori originali dei giochi Rarebird stanno cercando di portare il gioco su PS5 con il loro nuovo Patreon – e se il trailer è qualcosa su cui basarsi, l'ambito è solo aumentato e il gioco è diventato solo più bizzarro.

Sinfeld: Remastered segue il nipote di Jerry, Donathan, mentre cerca suo zio in una New York post-apocalittica, esplorando luoghi familiari con un tocco da incubo e intriso di neon. Il gioco sembra tanto sciocco e divertente quanto potenzialmente da incubo (il cattivo alto, in particolare, sembra attirato direttamente dalla valle misteriosa) ma ehi, è possibile che le cose siano sia da incubo che isteriche. Basta guardare The League of Gentlemen.

Puoi diventare un mecenate dei giochi Rarebird Qui. Fateci sapere cosa ne pensate nei commenti, su Twittero su Facebook.

FONTE