Un'avventura più oscura di Indiana Jones

Curse of the Dead Gods è un Rogue Dark Diablo stile pieno di potenzialità

Recensione di Curse of the Dead Gods

Curse of the Dead Gods è un roguelite brutalmente spietato di Passtech Games. Nella mia recensione per Skul: The Hero Slayer, ho fatto riferimento al gioco come al primo grande roguelike del 2021, e ora posso dire con sicurezza che Curse of the Dead Gods è il prossimo.

Esplora il tempio perduto nella speranza di trovare tesori, vita eterna e potere divino. A differenza di altri roguelike come Hades o Skul: The Hero Slayer, non c'è tanto una storia generale da vivere in Curse of the Dead Gods, ma piuttosto un luogo profondo e intricato pieno fino all'orlo di misteri che aspettano di essere scoperti. Sei un esploratore, un vero tipo Indiana Jones, che cerca di scoprire le più grandi ricchezze che i templi offrono, e più o meno è tutto.

Invece delle tradizionali "corse" roguelike, ti viene data la possibilità di diverse missioni da affrontare, ciascuna con i propri obiettivi unici. Ogni volta che accedi a una di queste missioni, il percorso tracciato prima di te viene generato in modo casuale. Sebbene l'obiettivo finale sia sempre lo stesso, il percorso che intraprenderai per raggiungerlo sarà ogni volta diverso. Anche se fallisci una missione, il gioco traccia esattamente quanto sei riuscito a superare, sebbene dovrai ricominciare da capo ogni tentativo.

Le missioni precedenti del gioco sono piuttosto brevi e servono come una sorta di prove per farti abituare alle meccaniche di base e ai modelli di attacco dei nemici. La prima missione per ciascuno dei tre templi all'interno del tempio perduto ti vedrà affrontare solo un boss, mentre le missioni successive aggiungeranno boss intermedi per bloccare ulteriormente il tuo percorso. Oltre alla missione del tempio, ci sono anche una serie di missioni di eventi speciali che puoi affrontare.

Una nuova interpretazione del gameplay

Il punto in cui Curse of the Dead Gods brilla davvero è nel suo sistema di combattimento unico e brutalmente difficile. I giocatori possono equipaggiare un'arma principale, un'arma secondaria e un'arma speciale a due mani. Sebbene tu sia in grado di utilizzare liberamente l'arma che preferisci con la semplice pressione di un pulsante designato, tutto ha un costo. Qui è dove Curse of the Dead Gods lascia il segno: il suo sistema di resistenza.

Sotto il tuo personaggio noterai una barra della resistenza che inizia con 5 punti. Quasi tutto ciò che fai ti costerà resistenza: finire una combo con la tua arma principale, usare la tua arma secondaria oa due mani, fare un tiro per schivare, ecc. La gestione della resistenza è vitale in Curse of the Dead Gods.

Se non presti attenzione alla tua resistenza rimanente, potresti trovarti sul punto di essere colpito da un attacco non bloccabile, senza più resistenza da schivare. Ora, ci sono alcuni modi per riguadagnare la resistenza con l'essere più elementare di aspettare. Anche una schivata o una parata con il giusto tempismo, con la giusta benedizione equipaggiata, andranno bene.

A proposito di benedizioni, ce ne sono molte da sbloccare ed equipaggiare tra una corsa e l'altra. Le benedizioni possono essere acquistate all'inizio del tempio in cambio di teschi di cristallo raccolti durante le tue corse passate. Le benedizioni offrono vantaggi da una maggiore sopravvivenza a danni extra. Ci sono anche progetti di armi sbloccabili e potenziamenti all'ingresso del tempio che possono aiutarti a rafforzare le tue corse future.

Polmoni di ferro

Ho accennato al fatto che il sistema di resistenza di Curse of the Dead Gods nobilita il gioco rispetto ad altri del genere, ma c'è un'altra meccanica unica in gioco. Curse of the Dead Gods è oscuro e non mi riferisco solo all'estetica squallida del tempio, ma piuttosto, il gioco è visivamente estremamente oscuro, mantenendo la visibilità al minimo. Tuttavia, la visibilità è l'ultima delle tue preoccupazioni poiché l'oscurità stessa funge da nemico principale.

Si subiscono danni doppi mentre si è al buio, rendendo la ricerca di una fonte di luce vitale per la sopravvivenza. Fortunatamente hai una torcia che puoi usare per accendere bracieri, ragnatele e nemici in fiamme. Tuttavia, non è sempre facile accendere quella fonte di luce, in questi tempi devi giocare con molta attenzione o inizierai a ricevere grandi successi. Saprai se ti trovi nella luce o meno dall'indicatore nella parte inferiore dello schermo.

Lungo le tue piste avrai la possibilità di scegliere quali stanze prendere, simile al layout della mappa di Slay the Spire. Queste stanze possono includere nuove armi, reliquie, poteri divini, cure, denaro, potenziamenti delle armi e stanze misteriose. Tutto, dalle armi ai poteri divini, può essere acquistato con denaro o sangue, il che ci porta all'ultima caratteristica distintiva di Curse of the Dead Gods, le maledizioni.

Che notte orribile per avere una maledizione

Durante la tua corsa accumulerai corruzione. La corruzione può essere ottenuta attraverso offerte di sangue, essere colpiti da attacchi nemici o semplicemente spostandosi da una stanza all'altra. Una volta che il tuo livello di corruzione raggiunge 100, otterrai una maledizione. Le maledizioni sono spesso spade a doppio taglio che ti paralizzano con un fardello unico, mentre allo stesso tempo servono da benedizione sotto mentite spoglie. Una volta raggiunta la quinta e ultima maledizione, ti troverai di fronte alla peggiore di tutte, una che non ha alcun beneficio e ti prosciugherà lentamente la vita. Mentre le offerte di sangue possono essere estremamente utili per migliorare la tua corsa, devi stare attento a evitare quella quinta maledizione o avrai molte più difficoltà ad assicurarti una vittoria.

Curse of the Dead Gods è un roguelite brutale, oscuro e spigoloso, che si ispira ad altri del genere offrendo al contempo un sacco di meccaniche e idee uniche che lo distinguono dai suoi predecessori. Il gioco è difficile, ma le ricompense sono frequenti e abbondanti. Vincere una corsa o acquistare alcuni degli aggiornamenti più costosi offre estrema soddisfazione, facendoti sentire un vero avventuriero. Il gioco bilancia elegantemente una meccanica di rischio / ricompensa profonda e complessa, mentre ti confronta con un sistema di combattimento intricato e brutalmente difficile. Tutto sommato, i rischi valgono davvero le ricompense in Curse of the Dead Gods.

** Un codice di revisione per il cambio del gioco è stato fornito dall'editore **

Il bene

  • Meccaniche di gioco uniche e familiari
  • Il sistema di combattimento è estremamente profondo
  • L'estetica e la costruzione del mondo sono ben fatte

80

Il cattivo

  • Il combattimento è molto difficile
  • I meccanici hanno una curva di apprendimento ripida

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *